Vai al contenuto

Tax the rich

Una tassa del 2% sulle ricchezze spropositate e inutili

In Italia, lo 0,1% dei cittadini più ricchi possiede una ricchezza quasi tripla rispetto alla metà più povera della popolazione. L’applicazione di una tassa su questo 0,1%, persone con un patrimonio netto individuale superiore a 5,4 milioni di euro, potrebbe generare fino a 15,7 miliardi di euro all’anno, salendo a 23 miliardi se estesa al top 0,5%.
Queste risorse potrebbero essere impiegate per migliorare la sanità pubblica, l’istruzione, contrastare il lavoro precario e affrontare i cambiamenti climatici.

In Italia, la ricchezza finanziaria conservata nei paradisi fiscali è stimata a 198 miliardi di dollari nel 2022 mentre a livello globale, le ricchezze off-shore ammonta a 12.000 miliardi di dollari, ben il 12% del PIL mondiale. Il 27% di questa somma è nascosta al fisco.
Il 35% dei profitti delle grandi multinazionali sono conservati in paradisi fiscali: 1.000 miliardi di dollari. Queste pratiche riducono i ricavi globali dell’imposta sul reddito delle società del 10%.
In Italia, l’ammanco erariale è stimato in circa 5,6 miliardi di dollari nel 2020.
Nel mondo i miliardari pagano aliquote d’imposta effettive irrisorie in confronto al valore dei loro patrimoni: tra lo 0% e lo 0,5%.

Ti chiediamo di sottoscrivere la proposta di istituire un’imposta minima globale del 2% sui patrimoni netti dei miliardari.
Riguarda meno di 3.000 persone
genererebbe introiti per 250 miliardi di dollari all’anno.

Abbiamo bisogno di UN MILIONE di firme in Europa per costringere la Commissione europea a presentare una proposta.

Fai sentire la tua voce sulle politiche che riguardano la tua vita. L’iniziativa dei cittadini europei è uno strumento unico per contribuire a plasmare l’UE, chiedendo alla Commissione europea di proporre nuovi atti legislativi. Quando un’iniziativa raccoglie un milione di firme la Commissione decide quale azione intraprendere.